L’artista Tommaso Brogini sulle orme di Michelangelo

Firenze è una città straordinaria. Culla del Rinascimento e una delle grandi città d’arte d’Europa. Come altri luoghi in Italia, Firenze è stata la casa di innumerevoli artisti e artigiani che hanno prodotto pezzi straordinari, da dipinti, sculture, mobili e architetture fino ai piatti caratteristiche. Storicamente Firenze ha ospitato anche numerose botteghe artigianali. Artigiani che hanno seguito le tecniche tradizionali, tramandando le proprie conoscenze e competenze alle nuove generazioni, sopravvivendo alla prova del tempo e del cambiamento.

A Casapitti siamo immensamente orgogliosi della nostra eredità italiana, rendendo omaggio alle nostre tradizioni e alla nostra storia ogni volta che produciamo un mobile. Casapitti rappresenta e abbraccia a pieno la filosofia del Made in Italy.

Abbiamo avuto l’enorme piacere di visitare Tommaso Brogini nel suo Studio, situato in una delle zone più artistiche di Firenze: San Niccolò. Abbiamo avuto la possibilità di fare qualche domanda sulle sue esperienze durante la sua lunga carriera di artista.

Che cosa significa il nonfinito e che valore ha per te?

Per me il nonfinito è comunicazione, perché se tu sei finita o finito non vali più niente per nessuno solo per te stesso. Il finito gira su se stesso. L’incompiuto ti dà la possibilità di prendere contatto, sopra o sotto. È aperto. Così dovrebbe essere una città: aperta, come il mio studio. Aperto a tutti, a chi vuole venire a trovarmi, scambiare pensieri, vedere o acquistare, ma anche chiedersi perché. Questo me lo ha insegnato Michelangelo. La sua scultura del David non ha ancora ucciso Golia (la statua del David di Michelangelo) Nel capitolo del David, c’è saggezza nella sua storia perché viene raccontata la vittoria. Al Bargello abbiamo due David, uno in bronzo e uno in marmo, che rappresentano entrambi il momento in cui il David ha già vinto. Bello ed eccezionale, tuttavia Donatello non aveva ancora la maturità per dire qualcosa di diverso, Michelangelo invece sì, non solo per una questione di tempismo, Michelangelo era più maturo, ma anche per il suo carattere. Era anche un momento in cui l’umanesimo poteva dire di più su se stesso. E infatti Michelangelo lo dice, lo racconta prima. Un preludio alla vittoria. Una storia che tutti possono comprendere perché conoscono l’episodio, ma non possono necessariamente interagire con il pensiero.

Il David di Michelangelo non ha ancora ucciso Golia, quindi nella statua puoi vedere tutta la sua concentrazione, tutta la pianificazione. Nell’Antico Testamento c’è una bella storia in cui tutto viene raccontato prima dell’uccisione, tutto prima di questo grande episodio.

Prima di vivere un episodio, che sia una cosa semplice o la cosa più bella del mondo, devi anche sperimentare ciò che viene prima. Il preludio porta all’emozione di vivere un’esperienza. Michelangelo racconta questa concentrazione dove gli occhi sono concentrati, il pensiero è attivo, sembra frullare nella testa del David. Poi Michelangelo fa questa cosa bellissima, ci mette anche altri segni che ci fanno riflettere molto perché gli occhi di David sono diversi. Un occhio guarda dritto, l’altro a sinistra, quindi socchiude è strabico, la sua anima è imperfetta come tutte le anime. Michelangelo fa questo passo, insegna a non raccontare subito l’episodio, a mandare segnali ma non necessariamente espliciti. Dobbiamo interrogarci per arrivare a certe verità

Pensi che il ruolo dell’artista al giorno d’oggi sia cambiato molto rispetto al ruolo dell’artista del passato?

È cambiato molto, rispetto agli artisti del passato. Cellini ha impiegato nove anni per realizzare la statua del Perseo. Sebbene questa statua sia rimasta a Firenze per secoli, chi l’avrebbe saputo in quel momento. Nel presente un artista non penserebbe di impiegare 9 anni del proprio tempo per realizzare un’opera d’arte, uno fa una cosa e si spera che rimanga nel tempo. All’epoca dei Medici, Firenze era piena di personaggi e artisti perché loro li sovvenzionavano perchè creassero qualcosa di grande, a creare e plasmare una città. C’era l’intenzione di far emergere l’arte e la bellezza. Il ruolo dell’arte oggi è molto diverso, perché si pensa all’artista come a colui su cui investire. Si compra un’opera d’arte non per la bellezza di per sé, ma per poter investire denaro. Quindi l’arte è diversa. Attualmente dobbiamo seguire le tendenze o accompagnare chi ha bisogno di certe cose. I bambini hanno bisogno di divertirsi, vedere, vivere, strimpellare, adattarsi alle nuove tendenze e mode.

Secondo me l’arte ha bisogno di durare nel tempo, diventando in qualche modo eterna.

Tommaso Brogini ci accoglie nel suo studio
Alcuni dei disegni geniali di Tommaso

Credi che le capacità artistiche siano dovute al talento o al continuo studio e apprendimento?

Penso che siano energie che si sommano nel tempo. Ad esempio, quel dipinto ha energia (indicando uno dei suoi dipinti) l’ho fatto più volte. A prima vista potrebbe essere lo stesso ma non avrà mai la stessa energia. C’era qualcosa lì, e qualcuno. Non so cosa o chi, ma qualcosa. Non so se è talento ma ho seguito il mio progetto, la mia passione e questo mi ha portato a crescere molto. Ci sono state situazioni incredibili nella mia vita, che non credo siano capitate per caso.

Ho fatto la mia tesi di architettura e la tesi è stata vista da un professore. Questo è un professore che penso possieda un’anima divina, nel modo in cui spiegava e raccontava le cose. Gli storici dell’arte, quando sono storici, hanno un modo di parlare che non viene solo da loro. Mi riferisco all’umano, non umano, che è in ognuno di noi. Ci sono persone che lo fanno uscire e altri che no. Per esempio Bernini, ha fatto Apollo e Dafne, come è possibile non vedere che lì non c’è solo lui. C’è qualcos’altro lì, quel lavoro è tanto incompiuto, tanto quanto infinito. E quindi è una cosa incredibile. Questo professore aveva un modo di parlare illuminante. Ha visto la mia tesi e mi ha contattato. Mi propose uno spazio nelle Cappelle Medicee per dipingere un quadro. Il compito era di realizzare un dipinto per rendere omaggio a Michelangelo e al suo disegno della facciata della chiesa di San Lorenzo, commissionato da papa X, che non è stato più costruito.

Abbiamo lavorato insieme per realizzare questo dipinto, ispirato ad un modello lineare di Michelangelo, esposto in casa Buonarroti. Questo dipinto fu esposto nelle Cappelle Medicee e fu poi collocato in casa Buonarroti per un’altra mostra. Attualmente è esposto nella controfacciata della chiesa di San Lorenzo. Questo veniva da qualcos’altro, anche dalla mia continua pratica. Ho cercato di portare avanti il mio talento. Non so se il talento è innato o meno, sono sicuro che qualcosa arriva, se lo fai con amore e passione.

I tuoi dipinti hanno tutti un forte studio alle spalle o sei spesso mosso dalla libera ispirazione e dall’impulso di iniziare un’opera?

Vorrei avere più libertà di espressione, cioè solo poche volte ho lavorato d’impulso. In questi ultimi quadri colorati (che mostrano un suo quadro) ho lavorato il legno ispirandomi alla materia. Mi sono mosso casualmente. Di solito i miei dipinti hanno progetti dietro, pensieri. Questi sono più o meno gli stessi. Queste sono le ultime visioni che ho avuto contro la guerra in Ucraina e Russia, quindi rappresentano due opposti in modi diversi, Russia e NATO, o Putin e il resto del mondo. Cioè, due idee opposte che devono necessariamente compenetrarsi. Questo simbolo che trovi sulla tela, che sembra infinito ma rimane aperto, è incompiuto. Qui ci sono due forme che sono identiche in termini di idee, ma opposte in termini di direzione, forza, dimensioni, ma se ne sleghi un’altra, cade. Trovare l’equilibrio in tutte le cose che facciamo. Sono qui per un progetto diciamo, poi a seconda di come e dove mi trovo, vengono fuori cose diverse. In generale c’è sempre un progetto, uno studio costruttivo e un pensiero.

Le nuove generazioni si stanno staccando un po’ dal mondo artistico e dal lavoro artigianale, scegliendo sempre di più il mondo digitale. Cosa ne pensi?

Bisogna dare la possibilità di scegliere, ora c’è solo una tendenza. Quello di fare “subito” e “veloce”. È necessario dare la possibilità di scegliere, ho la mia storia e il mio percorso. Ognuno ha il proprio percorso e le proprie circostanze. Ho dato voce alla mia mano, se non avessi avuto l’incidente forse le cose sarebbero andate diversamente.

Ero all’istituto d’arte durante il periodo in cui ho avuto l’incidente. Fin dal primo anno delle superiori mi sono dedicato all’architettura, non alla pittura, non alla scultura, solo ai progetti di architettura. Se non avessi avuto l’incidente e tutto quello che è successo dopo, non saprei dove sarebbe andato il mio percorso, forse sarei stato anche più digitale. Non so. Questo era il mio modo di essere diverso, ho dato voce alle mie mani con la forza.

Attualmente offri corsi rivolti a persone che non hanno mai sperimentato la tecnica del disegno a mano libera e dei colori ad olio. Cosa ha stimolato il tuo desiderio di insegnare ad altre persone le tecniche del disegno e della pittura?

Condivisione, voglia di far sapere che è possibile, che l’arte è per tutti. Per me disegnare e dipingere sono stati un regalo, quindi vorrei regalarlo a chiunque voglia provarlo. Il primo corso che ho tenuto è stato subito dopo la laurea, nel mio quartiere. Davo corsi a varie persone, gruppi formati da diversi tipi di persone. Per me è stato comunicare ciò che per me è arrivato automaticamente, anche agli altri. Per qualcuno diventa una cosa automatica. Qualcuno l’ha intrapreso come un lavoro, per qualcun altro potrebbe essere un hobby.

In base alle tue esperienze e alla tua forte resilienza, che consiglio daresti a una persona che sta attraversando un periodo difficile?

Trovare qualcosa di personale. Cerca di intraprendere qualcosa che ti riempie di passione. Il mio è stato un problema fisico, un rallentamento che mi ha permesso di essere più in contatto con il mio lato creativo, mi ha dato tempo. Le domande che di solito mi vengono poste in relazione al mio lavoro sono: quanto tempo ci metti a farlo? Rispondo sempre ventinove o trent’anni, perché disegno da ventinove anni. Non è il tempo che segna le cose, non è per una cosa in sé. È il tempo che dedichi al tuo viaggio, che si tratti di una limitazione fisica o di un periodo di difficoltà. Ad esempio, il periodo del lockdown ha risvegliato in molti la voglia di disegnare, perché c’era tempo per chi era rinchiuso in casa. Questo periodo ha risvegliato qualcosa in molte persone, un’opportunità per stare meglio. Quindi dedicare un po’ di tempo ogni giorno a qualcosa che ci appassiona.

Trovare tempo per se stessi è importante. Quando facevo architettura trovavo sempre un po’ di tempo per disegnare. Mi ci è voluto molto tempo per realizzare questo dipinto di David, il primo che ho fatto. Ci ho dedicato molto tempo, energia e passione. Attualmente si parla molto di meditazione, penso che il tentativo di progettare la meditazione in un certo modo avvenga. Perché tu sei presente, dedicandogli tanto tempo e attenzione. Stabilisci un rapporto con la tua mano, il foglio (o il mezzo o lo strumento scelto) e vieni in contatto con te stesso, è una meditazione molto importante e molto forte.

Gli strumenti artistici di Tommaso

Condividi

Post correlati

L’amore di Casapitti per il design

A Casapitti amiamo seguire e osservare gli eventi di design e architettura nel mondo. Come forse saprai, New York City è una delle capitali mondiali

Iscriviti per accedere a sconti esclusivi, offerte speciali e vantaggi riservati ai membri.